In questi ultimi anni sono nate diverse tecniche per la gestione del tempo decisamente non convenzionali, che fareste fatica a pensare possano funzionare sul serio.
Eppure, funzionano.

Una di queste è quella nota col nome di caffeine nap: come il nome suggerisce, consiste nel somministrarsi un bel caffè.
Per quanto questo rappresenti una verità effettiva, è ovvio che c’è molto di più da raccontare sul motivo per cui un caffè dovrebbe aiutarci a gestire meglio il tempo.
Si tratta di un fenomeno studiato a suo tempo da alcuni scienziati inglesi e in seguito convertito in una vera e propria tecnica di cui tutti possono usufruire, ma come funziona?

La caffeine nap, traducibile come sonnellino da caffeina consiste nel concedersi una pausa dagli impegni di circa 15-20 minuti all’inizio della quale prenderete il vostro caffè.

Non c’è un vero e proprio momento ideale per attuare questo sistema, ma è generalmente utilizzato per contrastare gli effetti della sonnolenza post-pranzo e in particolar modo da chi, per la natura del proprio lavoro, effettua orario continuato fino alla sera.

Libri Gestione del tempo Amazon

Inizialmente studiato come una possibile soluzione alla sonnolenza dei guidatori che rincasano dopo una giornata di lavoro, la caffeine nap ha presto mostrato risultati insperati incrementando il livello di efficienza ed elasticità mentale di oltre il doppio rispetto a una normale pennichella.

Ciò accade perché la caffeina assunta prima di concedersi la nap impiega circa 20 minuti per fare effetto e la “botta”, per così dire, rappresentata dal risveglio combinato agli effetti della caffeina stessa è molto più efficace delle due singole reazioni.

Una tecnica che più semplice è difficile immaginarne, eppure i suoi effetti sono provati e affidabili al punto che numerose aziende invitano i loro dipendenti a ricorrere ai suoi benefici al fine di poter incrementare il livello di produttività.

Oltre a fornire un maggiore controllo sui propri impegni e tempi morti, ricorrere alla caffeine nap assicura inoltre che non si debba ricorrere a metodi drastici come ingurgitare più di tre tazzine di caffè in una sola giornata, abitudine che col tempo può anche compromettere la salute.

Insomma, un caffè per contrastarne tre, e già che ci siamo vincere la sonnolenza!

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto? Hai domande, dubbi, perplessità?
Fammelo sapere scrivendo nei commenti a fine articolo o meglio ancora sulla pagina Facebook!  🙂

Per concludere iscriviti alla newsletter di Tempopernoi, per ricevere tutti i nuovi articoli, tanto materiale esclusivo e gratuito e l’ebook gratuito con la raccolta dei migliori articoli su gestione del tempo, memorizzazione e lettura veloce!!!

Ti auguro una splendida giornata

Fonte foto