La teoria di suddivisione della memoria in tre tipologie distinte pone particolare enfasi su quella visiva, che interessa la maggior parte dei ricordi che siamo in grado di richiamare.

La memoria visiva fa a sua volta riferimento al campo visivo, essendo direttamente legata alla capacità dei nostri occhi di fotografare attimi di vita che vengono in seguito sottoposti ad una scrematura da parte del cervello.

Il campo visivo è un qualcosa di concreto che può essere allenato, ed è protagonista di ogni corso che si rispetti che promette di imparare a leggere in meno tempo: sebbene a volte si tenda a esagerare, non si tratta di una bufala.

Un modo di preparare gli occhi e abituarli alle tecniche di lettura veloce è il cosiddetto rombo di parole, ovvero una pagina in cui è stata ritagliata una porzione centrale che va a ricordare per l’appunto un rombo.

Posizionando il nostro rombo su una pagina di qualsiasi libro, viene generato un vero e proprio rombo di parole che può testare il campo visivo.

L’esercizio consiste nel memorizzare quante più parole possibili contenute nelle righe del rombo, ovviamente prendendo in considerazione anche il contesto di quello che andate a leggere.

Potrebbe inizialmente risultare ostico concentrarvi sulle zone esterne in quanto sono quelle che delineano il limite del campo visivo, e di conseguenza quelle su cui c’è da lavorare.

Libri Lettura Veloce Amazon

L’obiettivo finale è riuscire a leggere tutte le righe contenute nel rombo senza spostare lo sguardo dalla zona centrale ed è raggiungibile attraverso la pratica: una lettura che usufruisce di un ampio campo visivo permette di assorbire più informazioni in tempo minore e non va classificata come superficiale, bensì come una variante di lettura attiva.

Quando allenate il campo visivo tramite la lettura veloce, potreste inoltre notare che le parole che leggete vengono assimilate in modo diverso dal solito; questo accade perché il riconoscimento delle stesse da parte dei nostri occhi avviene in lassi di tempo più brevi.

Giunti a un buon livello di allenamento dovreste essere in grado non solo di recepire una quantità maggiore di informazioni dalla lettura di un testo, ma anche di riuscire a cogliere più in fretta la presenza di determinate parole chiave di cui spesso gli occhi vanno a caccia per diminuire il carico di fatica complessivo.

Considerate queste parole come delle vere e proprie fermate in cui effettuare sosta, perché richiamano l’argomento portante del testo permettendoci di balzare da un paragrafo a quello successivo senza smarrire il cammino.

Non resta quindi che mettersi al lavoro – gli occhi non si allenano mica da soli!

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto? Hai domande, dubbi, perplessità?
Fammelo sapere scrivendo nei commenti a fine articolo o meglio ancora sulla pagina Facebook!  🙂

Per concludere iscriviti alla newsletter di Tempopernoi, per ricevere tutti i nuovi articoli, tanto materiale esclusivo e gratuito e l’ebook gratuito con la raccolta dei migliori articoli su gestione del tempo, memorizzazione e lettura veloce!!!

Ti auguro una splendida giornata

Fonte foto