Parlare di una corretta gestione del tempo a nostra disposizione è molto più complesso di quanto possa sembrare e non si limita di certo alla conoscenza di tecniche e strategie.

Con la dicitura Mental Wellbeing Care facciamo riferimento a una serie di preparazioni necessarie affinché la persona possa mettere in pratica ciò che ha imparato da una o più tecniche di incremento della produttività.

Queste spaziano dal controllo degli ambienti nei quali trascorriamo la maggior parte delle nostre giornate fino ad arrivare ad una attenta analisi dei rapporti che intercorrono con famigliari e colleghi e di abitudini quotidiane.

Quelli che seguono sono alcuni dei principi fondamentali su cui si basa la disciplina:

  1. Comprendere cosa va eliminato.

Dire addio a qualcosa è sempre difficile e questo vale anche con le nostre abitudini.

Le cattive abitudini sono tra i peggiori nemici nella gestione del nostro tempo utile e si manifestano in fenomeni come incapacità di mettersi al lavoro, propensione a fissare un punto della stanza che ci ospita per minuti e addirittura ore, controllo compulsivo delle piattaforme social alla ricerca di un elemento che possa in qualche modo stimolarci.

Eliminare tutto questo è il primo passo verso la vera applicazione delle tecniche volte a ottenere una maggiore produttività a breve e lungo termine: non c’è davvero bisogno di controllare di volta in volta i profili Facebook e Twitter, così come non c’è alcun motivo di essere demotivati prima di iniziare un progetto o una nuova attività!
Come spesso accade è l’inizio è la parte più difficile e una volta effettuata questa sorta di disintossicazione vi renderete conto di quanto tempo libero in più avete guadagnato, provare per credere.

  1. Essere in grado di interpretare situazioni e loro vantaggi e svantaggi.

Questo è un passaggio molto semplice e si tratta per lo più di predisposizione personale.

Siete persone che lavorano meglio in gruppo o da sole? Preferite operare in un ambiente vivace o tranquillo? Cercate di lavorare in modo indipendente o sotto una guida altrui?

Libri Gestione del tempo Amazon

Una volta compreso il vostro ruolo ogni task associata ad esso porterà via meno tempo e meno energie, sfociando inoltre in un risultato migliore. La capacità di soppesare vantaggi e svantaggi di una determinata situazione vi garantirà anche una spiccata dote organizzativa che magari ignoravate di possedere: questo tornerà utile nella vita privata e nel lavoro.

  1. Tenere lontane possibili interruzioni.

Quando si lavora è bene ridurre al minimo il numero di possibile distrazioni attorno a noi.
Il telefono, così come altri impegni di natura secondaria, possono sempre attendere!

  1. Prendersi sempre del tempo per valutare il proprio operato.

Si tratta di una frase che compare spesso in certi passaggi delle strategie per diventare persone produttive, e non certo a caso: cercate di avere sempre qualche minuto a vostra disposizione non solo per valutare quanto svolto, ma anche per concedervi qualche bella parola qualora le cose stiano procedendo secondo i piani.
Imparate inoltre a calcolare dei tempi margine che potrebbero essere utili nel caso in cui qualcosa non stia andando bene.

  1. Cercate sempre nuovi stimoli

Mental Wellbeing vuol dire proprio prendersi cura della propria salute mentale, e grazie a questi accorgimenti costruire le basi per un futuro migliore. Cercate sempre qualcosa che possa stimolare la vostra fantasia, perché una persona produttiva è una persona felice!

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto? Hai domande, dubbi, perplessità?
Fammelo sapere scrivendo nei commenti a fine articolo o meglio ancora sulla pagina Facebook!  🙂

Per concludere iscriviti alla newsletter di Tempopernoi, per ricevere tutti i nuovi articoli, tanto materiale esclusivo e gratuito e l’ebook gratuito con la raccolta dei migliori articoli su gestione del tempo, memorizzazione e lettura veloce!!!

Ti auguro una splendida giornata

 Fonte foto